Angri, 18.4.2015 Alla ricerca della felicità.6 La felicità omologata Già nel 1835 Alexis de Tocqueville prevedeva i futuri scenari sociali e politici: "Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri". 1) Descrizione iniziale: il consumismo è l’omologazione della felicità. Leggo e parafraso da una qualunque pagina on web sull’omologazione. Cos’è consumismo? Viene definito come il bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si…
Alla ricerca della felicità - 5: il paradosso della rinuncia. Felicità e spiritualità Discussione ad Angri il 21 marzo 2015  L’impostazione che offre Natoli sul tema della felicità ( 2003 ) è evidente. Noi, sulle generali, potremmo pensare con la nozione di un diritto e di un rovescio della medaglia, come fa Natoli: nel senso che su di una faccia vi sia la strategia per conseguire la felicità, cercandola: la si ottiene – forse – allorché la si cerca con l’opportuna strategia. Da questo lato abbiamo le antiche ricerche da Socrate-Platone a Epicuro, e così via. Sull’altra faccia della medaglia troviamo…
Alla ricerca della felicità - 5: il paradosso della rinuncia. Felicità e spiritualità Discussione ad Angri il 21 marzo 2015  L’impostazione che offre Natoli sul tema della felicità ( 2003 ) è evidente. Noi, sulle generali, potremmo pensare con la nozione di un diritto e di un rovescio della medaglia, come fa Natoli: nel senso che su di una faccia vi sia la strategia per conseguire la felicità, cercandola: la si ottiene – forse – allorché la si cerca con l’opportuna strategia. Da questo lato abbiamo le antiche ricerche da Socrate-Platone a Epicuro, e così via. Sull’altra faccia della medaglia troviamo…
01 Marzo
Gli opposti nel simbolo, in AA.VV., La polifonia estetica. Specificità e raccordi, Atti del II Congegno internazionale dell’AISE, ed. Guerini e Associati, Milano 1996; Sul modo di dire: questo è giusto, questo è ingiusto, in “Secondo tempo”, Libro XXIV, 2005 (2), Marcusedizioni, Napoli; Per una metafisica dell’assenza, in “Secondo tempo”, Libro XXXI, 2007 (3), Marcusedizioni, Napoli; Per Guido Zingari, in “Secondo tempo”, Libro XXXVIII, 2010 (1), Marcusedizioni, Napoli; Sui differenti pensieri dei filosofi, in “Secondo tempo”, Libro XXXIX, 2010 (2), Marcusedizioni, Napoli; Appunti su La compassione e il nulla, in “Secondo tempo”, Libro XXXIII, 2008 (2), Marcusedizioni, Napoli; Un percorso…
05 Giugno

Recensioni

Pubblicato in FILOSOFIA
E. Cozarinski, Jorge Luis Borges: Sur le cinéma, in “Rivista di estetica”, 1980(5), Rosenberg&Sellier, Torino; R. Giorgi, Amore che tu alla fonte bevi, Ripostes, Salerno 2004 in “Secondo tempo” Libro XXIV, 2005 (2 ), Marcusedizioni,  Napoli; R. Giorgi, Ombra di luce, Ripostes, Salerno 2005, in “Secondo tempo” Libro XXVIII,  2006 (3), Marcusedizioni,  Napoli; R. Giorgi, Echeggiamenti, Ripostes, Salerno 2004 in “Secondo tempo” Libro XXXI, 2007 (3), Marcusedizioni, Napoli.
Con l’etica filosofica, gli uomini prendono in considerazione, in modo consapevole, le modalità attraverso le quali ritengono di poter vivere la vita migliore. Se l’etica filosofica è il mezzo, ovvero descrive i mezzi e le strategie, la felicità è lo scopo dell’etica filosofica. La felicità, in quanto la filosofia non sia religione o non sia ad impronta religiosa, deve intendersi in questa vita e su questa terra. Pertanto l’etica filosofica, che pretende di pensare secondo verità in autonomia rispetto alla rivelazione religiosa, consiste nel progetto, nella descrizione di una strategia per vivere bene, cioè nella progettazione della felicità in terra…