05 Giugno

Versioni della notte

(Poesia)

Versioni della notte 

 

Finestra sulla notte (1) 

 

Notte. 
Una finestra illuminata. 
Finestra solitaria, una ferita nel buio. 

Luna crescente, 
vestita di luce d’argento, 
guarda questa finestra. 

La poesia mai scritta 
non vista 
nel silenzio ti guarda. 

                            9.9.2015 

 

Finestra sulla notte (2) 

 

Quando si fece notte nella valle 
una casa si staccò dal buio 
per via d’una finestra illuminata. 

Poi spuntò la luna crescente 
e navigava sul villaggio,
il cielo fu di cristallo. 

– Oh luna, – disse la finestra 
di fioca luce – splendore del cielo, 
come sei bella, 
dev’essere forte la tua fonte, 
qualunque sia. 

Vennero dalla luna, 
così maggiore d’una povera finestra, 
parole ispirate, respiro di maree, 
cicli lunari e culti misteriosi. 

Così fu quella notte una gran luce alla finestra,
quasi una porta su qualcos’altro, 
e la luna ebbe un po’ di umanità. 

Ma la finestra sapeva 
che la luna era uguale a se stessa 
e i paragoni sono paragoni. 

Ognuno fu di più, 
o fu diverso, 
e infine ognuno restò quel che era: 
una finestra o una luna 
di fine agosto, 
un sabato sera. 

                              23.8.2015 

 

Finestra sulla notte (3) 

 

Si fa notte, 
il lago è nero e nascosto. 
Una luce nella casa è un segno di speranza. 

Pensieri tristi. 

Appare da sinistra 
la lucentissima luna. 
Incostante luna, 
mutevole ogni notte. 

Così l’emozione. 
Dopo minuti o giorni prende parola. 
La casa in basso, la luna in alto. 

Gli scambi della notte. 
Il qui, l’altrove. 

Luce terrena, 
tesa all’ascolto 
di quel che non è detto. 

Silenzio, resto senza fine 
dell’inaudito 
che chiede corpo di parola. 

                                       7.9.2015

Letto 696 volte Ultima modifica il Lunedì, 17 Luglio 2017 13:45